Fammi entrare nella tua vita. Anche e soprattutto dove sei sola e nessuno ti vede: fammi entrare. Dammi il senso di qualcosa che capiti matematicamente una volta al mese.

mercoledì 16 settembre 2009

Compra, ragazzino compra.

Sono circondata da un vento persistente d'ipocrisia, insoddisfazione e malavoglia. Però non voglio unirmi a lui, spero davvero di non unirmi a lui. Ma quanto è buono l'odore dei capelli? Uno dei migliori. Ricominciare l'inverno è tanto piacevole quanto faticoso. Ci sono troppi aspetti negativi, e spesso se senti il dolore, non senti altro. Camminare per quei corridoi così corti, ma allo stesso tempo così lunghi. Tornare a casa sola, con l'acqua nelle orecchie. Falsi sorrisi e disagio. Penso a quanto io sia brava nel adattarmi a situazioni così scomode e irritabili. Ci sono dentro, e uscirne ancora diventerebbe più complicato.

5 commenti:

  1. io non riesco ad adattarmi così facilmente a quello che mi sta intorno...beata te...complimenti per il blog..fai un salto ai miei se ti va...

    RispondiElimina
  2. sono storie facili, come quelle che ti raccontavano da piccolo e tu credevi vene, com è stato facile restare fermo immobile, chiudendo gli occhi e rinunciando a vedere

    RispondiElimina
  3. ooooooooh luca, arrivi sempre al nocciolo.

    RispondiElimina
  4. sarà un mio vizio, o virtù???

    RispondiElimina